In alcune comunità territoriali il dato è diverso rispetto a quello nazionale. Ad esempio la durata obbligatoria è 15 anni nella comunità tedesca del Belgio, a fronte di meno di 10 anni a livello statale.

Nel Regno Unito, si segnalano diversi sistemi scolastici: Inghilterra (5-9 anni), Galles e Irlanda del Nord (meno di 5 anni), Scozia (non esiste un curricolo obbligatorio).

FONTE: elaborazione openpolis - Con i Bambini su dati Eurydice
(ultimo aggiornamento: mercoledì 16 Dicembre 2020)

Gli edifici scolastici a Roma

La presenza, la diffusione e la condizione delle scuole nella capitale è un tema che riguarda migliaia di studenti e famiglie (non solo di Roma). Approfondiamo questi aspetti, dall’età di costruzione degli edifici alla presenza di mense e palestre.

Approfondisci
Esercizio #29 | Martedì 27 Ottobre 2020

Scuola

L’importanza degli investimenti nel sistema scolastico #conibambini

L'istruzione è uno degli asset strategici per affrontare le sfide che ci attendono nel prossimo futuro. Nonostante gli sforzi fatti negli ultimi anni, però, gli investimenti pubblici italiani, stando ai dati del 2018, non sono ancora tornati ai livelli precedenti la crisi del 2008.

Disuguaglianze digitali

L’emergenza coronavirus ha messo a nudo nuove esigenze per il paese, soprattutto per le famiglie con figli. È diventato evidente come lo sviluppo dell’agenda digitale sarà sempre più legato al contrasto alla povertà educativa.

Approfondisci
Esercizio #27 | Martedì 14 Luglio 2020

Esclusione

Asili nido

L'esperienza scolastica nelle aree interne

Le aree interne sono le più colpite dalla carenza di servizi, anche di quelli educativi. Un fenomeno che influenza negativamente il percorso formativo dei bambini e dei ragazzi che vivono in questi territori.

Approfondisci
Esercizio #26 | Martedì 19 Maggio 2020
Abbandono scolastico
25,7%
i giovani del Sud Sardegna che hanno lasciato la scuola dopo la licenza media. Quasi due volte il dato medio nazionale.

Cultura

FONTE: elaborazione openpolis - Con i Bambini su dati Invalsi (a.s. 2017/18)

Tante Italie dove crescere

Dove nasci e cresci è una delle variabili che più decide le opportunità a disposizione del minore. Una serie di mappe per approfondire la condizione dei minori e i servizi loro rivolti.

Approfondisci
Esercizio #15 | Lunedì 18 Novembre 2019

Parole

Quali sono le cause della povertà educativa

La povertà educativa è la condizione in cui un bambino o un adolescente si trova privato del diritto all'apprendimento in senso lato, dalle opportunità culturali e educative al diritto al gioco. Povertà economica e povertà educativa si alimentano a vicenda.

Che cos’è l’abbandono scolastico

L'abbandono scolastico precoce riguarda i giovani che lasciano gli studi con la sola licenza media. Un fenomeno grave, sia per le sue cause più frequenti (disagio economico e sociale) sia per gli effetti a breve e lungo termine (difficoltà di trovare lavoro e aggravamento delle disuguaglianze).

Che cosa sono le aree interne

Le aree interne sono i territori del paese più distanti dai servizi essenziali (quali istruzione, salute, mobilità). Parliamo di oltre 4.000 comuni, con 13 milioni di abitanti, a forte rischio spopolamento (in particolare per i giovani), e dove la qualità dell'offerta educativa risulta spesso compromessa.

FONTE: elaborazione openpolis - Con i Bambini su dati Miur

Sport

FONTE: elaborazione openpolis - Con i Bambini su dati Miur

Scuole e asili per ricucire il paese

In un paese dove l’ascensore sociale è rotto e persistono profonde differenze tra i territori, serve un forte investimento sull’educazione, dagli asili nido alle scuole.

Approfondisci
Esercizio #9 | Mercoledì 10 Aprile 2019

Periferie a Roma

Fuori e dentro il raccordo

A Roma, anche come conseguenza dei prezzi delle abitazioni, le famiglie con figli piccoli tendono a concentrarsi maggiormente nelle zone a ridosso o fuori dal grande raccordo anulare.

Poveri (anche) di asili nido

Nelle zone più fragili della Capitale, la carenza di posti pubblici o convenzionati negli asili nido rischia di pesare ancora di più. Qui è probabile che siano più numerose le famiglie che non possono permettersi di accedere ai nidi privati.

FONTE: elaborazione openpolis - Con i bambini su dati Istat, censimento 2011

Rassegna stampa

D di Repubblica
18 Gennaio 2021

Le condizioni abitative nelle famiglie numerose

Le spese per la casa di solito sono tra quelle che incidono di più sul bilancio familiare. La difficoltà di potersi permettere il costo di un’abitazione può produrre disagio abitativo, soprattutto per le famiglie che hanno figli.
Il Riformista
8 Gennaio 2021

L’abbandono scolastico in Campania

La Campania è una delle regioni con il tasso più alto di dispersione scolastica. Un dato ancora più allarmante alla luce delle difficoltà della scuola durante la pandemia.
L'Aria che tira
1 Dicembre 2020

Le competenze digitali degli italiani

Una delle necessità emerse con più forza durante l’emergenza, in particolare per le famiglie con figli, è quanto sia importante disporre di una connessione a internet veloce. Un’esigenza per gli adulti, specie se si sono trovati a lavorare da casa, ma anche per i bambini e i ragazzi.

Ultimi eventi

l'Aquila
30 Gennaio 2020

La povertà educativa in Abruzzo: analisi e riflessioni

Il 30 gennaio si terrà all'Aquila un convegno sulla povertà educativa in Abruzzo, durante il quale verrà presentato il report openpolis sull'incidenza del fenomeno nelle province e nei comuni abruzzesi.
Roma
27 Settembre 2019

Empty Europe: lo spopolamento in Italia e in Europa

Il 27 settembre a Roma verrà presentato il progetto di Cafébabel, Empty Europe, sullo spopolamento nelle aree rurali. Openpolis interverrà riguardo i possibili legami tra questo fenomeno e la carenza di servizi educativi sul territorio.

Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.