Il ruolo del parlamento negli atti Covid

Nella gestione della pandemia il parlamento ha svolto un ruolo di secondo piano. Infatti dalla dichiarazione dello stato di emergenza, il governo ha assunto poteri preponderanti, sia direttamente sia attraverso organi che fanno comunque riferimento a palazzo Chigi.

|

Il Giornale 2 Gennaio 2021

In un’intervista a Il Giornale il costituzionalista Sabino Cassese ha citato i dati di alcuni nostri approfondimenti.

Il primo tema trattato da Cassese riguarda quanto il parlamento sia intervenuto sugli atti Covid. In “Atti di sindacato ispettivo, quanto il governo rende conto al parlamento” in effetti abbiamo evidenziato come degli oltre 430 “atti Covid” pubblicati per far fronte all’avanzata del virus solo il 2,7% ha visto il coinvolgimento diretto di Montecitorio e palazzo Madama.

Il secondo argomento su cui il costituzionalista ha citato i dati di openpolis riguarda i decreti attuativi, e la lentezza con cui il governo li approva. Un tema che trattiamo frequentemente, da ultimo in “Perché sui decreti attuativi è importante non fare passi indietro“.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.