Quanto è cresciuto l’astensionismo nelle 4 maggiori città italiane Amministrative 2021

Con la scarsa affluenza alle amministrative si è tornati a parlare di astensionismo. Fenomeno in crescita: 20 anni fa la partecipazione alla scelta dei sindaci nelle grandi città superava il 70%, oggi è scesa sotto il 50%. Sono soprattutto le periferie a disertare il voto.

|

L’attenzione rivolta alle elezioni amministrative appena concluse è stata paragonabile a quella riservata alle elezioni politiche nazionali. Un appuntamento sentito come cruciale da media, leader e partiti.

Del resto, nell’ambito dei turni elettorali locali, quello chiuso con i ballottaggi del 17 e 18 ottobre era senza dubbio il più decisivo. Non solo per i 12 milioni di italiani chiamati alle urne. Ma soprattutto perché tra i 1.154 comuni andati al voto nelle regioni a statuto ordinario c’erano le 4 maggiori città italiane: Roma, Milano, Napoli e Torino.

Comprensibile quindi che sulla scelta dei sindaci vi fosse così tanta attesa, e che le forze politiche vivessero l’occasione come un verdetto sulla loro linea politica. Tuttavia molta meno attenzione, salvo i soliti commenti di rito soprattutto degli sconfitti, è stata riservata al convitato di pietra delle elezioni. Ovvero l’alto tasso di astensionismo, in particolare proprio nelle grandi città.

52% gli astensionisti nel primo turno delle amministrative nelle 4 maggiori città italiane.

Al primo turno, hanno votato meno della metà dei romani (48,54%), dei milanesi (47,72%), dei napoletani (47,17%) e dei torinesi (48,08%). La quota è scesa ulteriormente nei comuni andati al ballottaggio, attestandosi al 42% degli aventi diritto a Torino e addirittura al 40,7% a Roma.

Dal ’93 a oggi i votanti al primo turno delle amministrative sono scesi del 41% nelle 4 maggiori città.

Dati particolarmente preoccupanti, se letti in serie storica. Da quando si vota direttamente per il sindaco, tutte le 4 maggiori città italiane hanno sempre votato negli stessi turni elettorali: 1993, 1997, 2001, 2006, 2011, 2016 e 2021. Fa eccezione Roma, che ha saltato il turno del 2011 essendo andata al voto anticipatamente nel 2008. Ma si è riallineata con le amministrative del 2016, poiché sciolta nuovamente in anticipo per le dimissioni della maggioranza dei consiglieri, durante il mandato di Ignazio Marino (2013-15).

Questa singolare coincidenza consente di confrontare l’andamento dell’astensionismo nelle maggiori città italiane dal ’93 a oggi. Partiamo dagli aventi diritto al voto: sommando i residenti sopra i 18 anni nelle 4 città si tratta circa 5 milioni di persone. Più precisamente 5,2 milioni nel 1993, scesi fino a 4,85 milioni nelle ultime due tornate (2016 e 2021). Molto più repentino è stato il calo dei votanti al primo turno: da 3,9 milioni nel 1993 (pari al 76,37% degli aventi diritto), a poco più di 2,3 milioni nel 2021 (48%).

Ai fini dell’elaborazione, sono stati sommati elettori e votanti al primo turno nelle 4 città più popolose (Roma, Milano, Napoli, Torino). Dal 1993 questi comuni hanno sempre votato nello stesso turno elettorale (con l’eccezione di Roma, che non ha votato nel 2011 ma nel 2008 e nel 2013). Per questo caso specifico, nell’anno elettorale 2011 per Roma è stata considerata l’elezione del 2013. Nel 2001 il turno amministrativo è coinciso con le elezioni politiche.

FONTE: elaborazione openpolis su dati Eligendo - Ministero dell'interno
(ultimo aggiornamento: martedì 19 Ottobre 2021)

In termini assoluti parliamo quindi di 1,6 milioni di votanti in meno nel trentennio compreso tra il 1993 e il 2021. Nel periodo considerato, Roma da sola ha "perso" 679mila votanti (con l'affluenza scesa dal 78,7% al 48,5%). Milano 442mila (dal 78,1% al 47,7%), Napoli quasi 223mila (dal 67% al 47,2%), Torino oltre 300mila (dal 77,1% al 48,1%).

-1,65 mln votanti in meno nelle 4 città maggiori dalla prima elezione diretta dei sindaci.

Se si considerano i ballottaggi, il confronto è ancora più impressionante. Le due città che hanno atteso il 18 ottobre per l'elezione del sindaco, Torino e Roma, erano già andate al secondo turno rispettivamente in 5 e 6 occasioni dal 1993 a oggi.

Nella Capitale il ballottaggio del '93 - segnato dal primo vero scontro bipolare della nascente seconda repubblica, Fini (centrodestra) contro Rutelli (centrosinistra) - aveva visto una mobilitazione addirittura superiore al primo turno. Ovvero 1,85 milioni di persone (79,9% dell'elettorato) contro 1,82 milioni di due settimane prima (78,7%), quasi 26mila votanti in più.

Elezione decisa al I turno nel 1997 e nel 2006.

FONTE: elaborazione openpolis su dati Eligendo - Ministero dell'interno
(ultimo aggiornamento: martedì 19 Ottobre 2021)

Circostanza che non si è più ripetuta: l'astensionismo al ballottaggio è cresciuto nell'arco dei trent'anni. Dal 74% dei votanti nel 2001 la quota di votanti mobilitati al secondo turno è scesa al 40,7% registrato pochi giorni fa.

A Torino astensionismo in calo nei ballottaggi tra 1993 e 2001.

Discorso in parte analogo per Torino, dove un calo della partecipazione tra primo e secondo turno è una costante di tutta la serie storica. Tuttavia il ballottaggio ha mobilitato in modo crescente gli elettori del capoluogo piemontese tra gli anni '90 e i 2000. Erano infatti 515mila i votanti recatisi al secondo turno del 1993, cresciuti fino a oltre 550mila nel 1997 e 2001 (70% circa). Per 15 anni non abbiamo dati, dal momento che i sindaci di Torino sono stati eletti al primo turno. Nel 2016 la partecipazione al ballottaggio è scesa al 54,4% (378mila elettori) e poi ancora al 42,1% nel 2021 (290mila).

Elezione decisa al I turno nel 2006 e nel 2011.

FONTE: elaborazione openpolis su dati Eligendo - Ministero dell'interno
(ultimo aggiornamento: martedì 19 Ottobre 2021)

L'effetto astensionismo sull'elezione del sindaco

Il calo nella partecipazione elettorale non ha ovviamente alcun impatto pratico sulla scelta del sindaco e del consiglio comunale. Tuttavia, in termini di legittimazione politica, è significativo osservare come il numero di voti assoluti raccolti dal vincitore sia progressivamente diminuito a ogni tornata elettorale.

In 3 passate elezioni il candidato sconfitto al ballottaggio aveva preso più voti dei 565mila necessari a Gualtieri per vincere.

Sia a Roma, dove i sindaci tra il 1993 e il 2006 venivano eletti (al primo turno o al ballottaggio) con circa 900mila voti, pari al 40% degli aventi diritto.

Così Rutelli nel '93 (956mila voti al secondo turno, dopo un primo con 684mila) e nel '97 (eletto in prima battuta con 983mila preferenze), nonché Veltroni nel 2001 (871mila al ballottaggio) e nel 2006 (926mila al primo turno). Da allora tutti i sindaci successivi hanno sempre vinto al secondo turno: Alemanno (783mila voti, 33,4%), Marino (664mila, 28,2%), Raggi (770mila, 32,6%) e Gualtieri (565mila, 24%).

Sono 3 i ballottaggi del passato in cui il candidato sconfitto aveva comunque ottenuto un risultato più elevato dell'attuale vincitore. Parliamo di Fini nel 1993, con 844.030 voti, Tajani nel 2001 con 799.363 e Rutelli nel 2008 con 676.850.

Nell’elaborazione sono confrontati il numero di voti raccolti dal sindaco eletto per conseguire l’elezione con il totale degli aventi diritto al voto.

Accanto all’anno di elezione sono indicati il nome del sindaco eletto e, tra parentesi, se l’elezione è avvenuta al primo o secondo turno.

FONTE: elaborazione openpolis su dati Eligendo - Ministero dell'interno
(ultimo aggiornamento: martedì 19 Ottobre 2021)

Così a Torino, dove il massimo consenso elettorale è stato raccolto da Chiamparino nel 2006 (308mila voti, il 42% degli aventi diritto), quota scesa negli anni successivi. Né Appendino nel 2016 né Lo Russo nel 2021, eletti entrambi al ballottaggio, hanno raggiunto il 30% dei cittadini torinesi.

FONTE: elaborazione openpolis su dati Eligendo - Ministero dell'interno
(ultimo aggiornamento: martedì 19 Ottobre 2021)

Astensionismo e periferie

Nelle grandi città, sono soprattutto le periferie a disertare maggiormente le urne. A Roma, rispetto a una media di quasi 49 votanti su 100 al primo turno, si va dal 56% del II municipio (semicentrale e comprendente zone eterogenee, come Flaminio, Parioli e San Lorenzo) al 43% del VI. Ovvero il municipio dell'estrema periferia est, il cosiddetto "municipio delle Torri", comprendente Torre Spaccata, Torre Maura, Giardinetti-Tor Vergata, Torre Angela, Borghesiana.

FONTE: elaborazione openpolis su dati Roma Capitale
(ultimo aggiornamento: martedì 19 Ottobre 2021)

Una tendenza confermata dal ballottaggio. Nel II municipio l'affluenza (pure scesa del 12%) si attesta comunque attorno al 48%. Nel VI, il numero di votanti cala del 24% (da 77 a 58mila), con un'affluenza che non raggiunge un terzo degli aventi diritto (32,5%)

La diffusa rinuncia delle periferie al voto per la scelta dell'amministrazione locale appare confermata anche nell'altra città andata al ballottaggio, Torino. Qui in media al primo turno aveva votato il 48% dei cittadini. Con un divario di oltre 8 punti tra la circoscrizione 1 (che include il centro storico, al 51,4% di affluenza) e la 6 (comprendente quartieri come Barriera Di Milano, nella periferia nord, al 42,9%).

FONTE: elaborazione openpolis su dati Comune di Torino
(ultimo aggiornamento: lunedì 18 Ottobre 2021)

Anche in questo caso, un dato pienamente confermato nei ballottaggi. Con il numero di votanti che cala del 7,7% nella circoscrizione più centrale (47,5% degli aventi diritto andati a votare) e di oltre il 15% nelle circoscrizioni settentrionali, la 5 e la 6. Qui poco più di un torinese su 3 è andato a votare al secondo turno.

Foto credit: davidaola (Flickr) - Licenza

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.