L’equilibrio tra governo e parlamento

Il tema della subalternità del parlamento non è certo nuovo, tuttavia l’emergenza Covid ha ulteriormente esasperato questa dinamica. La larga maggioranza che lo sostiene infatti permette all’esecutivo di andare avanti per la propria strada anche quando non c’è intesa unanime sulle misure da adottare.

|

La Notizia 17 Settembre 2021

Su La Notizia si parla dell’equilibrio di ruoli tra governo e parlamento, riprendendo i dati del nostro ultimo approfondimento sul tema.

Nelle ultime settimane alcune dichiarazioni di Mario Draghi hanno destato particolare scalpore. Il presidente del consiglio infatti ha affermato che il governo andrà avanti nel proprio programma nonostante le divisioni interne alla maggioranza che lo sostiene. Il riferimento era alle discussioni relative all’estensione dell’obbligo del green pass.

Il governo Draghi è riuscito a far approvare 38 disegni di legge in circa 7 mesi. Nello stesso periodo le leggi di iniziativa parlamentare approvate sono state 6. In media le leggi di iniziativa governativa hanno costituito oltre il 75% di tutti i disegni di legge approvati nelle ultime 3 legislature.

Sotto questo profilo il dato dell’attuale esecutivo è quello più elevato degli ultimi anni con l’86,4%. Seguono il governo Conte II (85,3%) e il governo Letta (83,3%).

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.