Partner

Il calo dell’aps nei paesi Dac

L’Italia, tra i paesi Dac, è quello che ha ridotto in maniera più significativa il proprio contributo in materia di cooperazione nel 2018, con un calo del 21,3% in termini reali. Un dato particolarmente stridente dopo anni in cui la cooperazione italiana stava dando prova di una positiva ripresa e riallineamento rispetto agli obiettivi internazionali.

Tuttavia il nostro paese non è il solo ad aver diminuito il proprio aps. Tra i 29 membri che compongono il comitato per l’aiuto allo sviluppo dell’Ocse ben 12 hanno infatti ridotto il volume delle risorse in cooperazione.

L’Italia è il paese in cui si è registrato il calo maggiore nei fondi per la cooperazione.

Tra coloro che hanno ridotto i fondi per l’aps inoltre si trovano paesi importanti, come gli Stati Uniti (-5% in termini reali) che sono il primo contributore mondiale in termini di aiuto pubblico allo sviluppo, la Germania (-3%) e il Giappone (-13,4%). Tutto questo ha portato a una contrazione complessiva dei fondi destinati alla cooperazione da parte del comitato Dac.

Complessivamente i paesi Dac hanno ridotto del 2,7% in termini reali i fondi destinati all’aps. Vai a "Che cosa sono i paesi dac"

Il comitato Dac è composto da 29 paesi più l’Unione Europea. L’organizzazione riunisce i maggiori contributori in termini di aiuto allo sviluppo e per questo è importante monitorare l’andamento complessivo dei fondi stanziati dai suoi membri. Gli importi sono presentati in dollari a prezzi costanti 2017 in modo da eliminare le distorsioni. I dati Ocse utilizzati seguono la metodologia “cash basis“ e si riferiscono al rilascio di dati preliminari per il 2018.

FONTE: Ocse
(ultimo aggiornamento: giovedì 2 Maggio 2019)

Se il calo dei fondi è stato tutto sommato limitato si deve in gran parte ad alcuni paesi che hanno aumentato il proprio investimento in cooperazione per importi rilevanti. Si tratta in particolare della Gran Bretagna (+1,8%) e della Francia (+ 4,4%), rispettivamente terzo e quarto contributore tra i paesi Dac, e della Svezia (+ 4,5%).

La classifica dei paesi donatori in rapporto alla ricchezza prodotta

La diminuzione dei fondi italiani per la cooperazione, oltre ad allontanarci di molto dall'obiettivo intermedio dello 0,30% aps/rnl entro il 2020, ci fa anche scendere di diverse posizioni nella classifica dei donatori Dac.

Gli obiettivi di ciascun paese in termini di aiuto pubblico allo sviluppo si misurano in rapporto alla ricchezza prodotta da quel paese. Al momento sono previsti due obiettivi, uno intermedio dello 0,30% aps/rnl entro il 2020 e quello successivo dello 0,7% entro il 2030. Vai a "Quante risorse per la cooperazione allo sviluppo"

Infatti, se nel 2017 ci posizionavamo al tredicesimo posto, gli ultimi dati pongono l'Italia in fondo alla classifica, in diciassettesima posizione.

Tra gli obiettivi dell’Agenda 2030 per lo sviluppo sostenibile c’è l’impegno da parte dei paesi sviluppati a donare lo 0,7% dell’rnl ai paesi in via di sviluppo. L’obiettivo intermedio da adempiere entro il 2020 è quello di investire in aps lo 0,30% dell’rnl. I dati Ocse utilizzati seguono la metodologia “cash basis“ e si riferiscono al rilascio di dati preliminari per il 2018.

FONTE: Ocse
(ultimo aggiornamento: mercoledì 10 Aprile 2019)

L'Italia purtroppo non è l'unico paese a rimanere distante dagli obiettivi della cooperazione, altri grandi contributori, in particolare gli Stati Uniti (0,16% aps/rnl, 0,17 nel caso si adotti la nuova metodologia Ocse), fanno peggio di noi. Solo 5 paesi in effetti hanno già raggiunto o superato l'obiettivo dello 0,7% mentre altri 8 raggiungono quello intermedio dello 0,30%.

 

Foto Credit: UN Photo/Cia Pak

PROSSIMA PARTE
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.