Il vuoto normativo sulla propaganda politica nei social network

Dagli obblighi di trasparenza delle spese al silenzio elettorale, la normativa italiana non è ancora pronta a rispondere alla crescente influenza dei social.

|

Agi 24 Febbraio 2019

Dopo la violazione del silenzio elettorale in Abruzzo, il ministro dell’interno Matteo Salvini è di nuovo intervenuto sui social in un momento di silenzio elettorale, questa volta durante le consultazioni regionali in Sardegna. Ieri Agi ha dedicato a questo tema un articolo riprendendo un nostro approfondimento dello scorso anno.

Oggi con un nuovo contributo sul tema siamo tornati sul problema della propagnada politica sui social network soprattutto in vista delle elezioni europee. Le leggi che regolano la materia infatti sono datate e non tengono in considerazione le implicazioni sempre più importanti che i social hanno sulla comunicazione politica contemporanea.

Per approfondire leggi: “Elezioni europee, mancano ancora regole chiare per la propaganda online“.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.