Gli equilibri tra i partiti in parlamento

Il tema della subalternità del parlamento non è certo nuovo, tuttavia l’emergenza Covid ha ulteriormente esasperato questa dinamica. La larga maggioranza che lo sostiene infatti permette all’esecutivo di andare avanti per la propria strada anche quando non c’è intesa unanime sulle misure da adottare.

|

Il Messaggero 7 Ottobre 2021

In un articolo pubblicato stamane su Il Messaggero, a proposito degli equilibri nella maggioranza delle due camere e nel governo Draghi, vengono citati i nostri dati della piattaforma openparlamento.

L’ampia maggioranza di cui gode permette al governo di portare avanti il proprio programma nonostante le divisioni interne ai partiti che lo sostengono. Tale dinamica evidenzia la debolezza dell’attuale sistema politico.

La sua maggioranza infatti è talmente larga che il voto contrario di un singolo partito non riuscirebbe – da solo – a condizionare le sorti del governo. A differenza, ad esempio, di ciò che è accaduto durante il governo Conte II con Italia viva.

L’attuale esecutivo, infatti, è sostenuto da quasi il 90% del parlamento. Il 37% circa è rappresentato da partiti di centrodestra mentre il 45,8% è rappresentato dall’area di centrosinistra.

 

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.