La finanza locale alla prova della pandemia Numeri alla mano

|

I dati sono un ottimo modo per analizzare fenomeni, raccontare storie e valutare pratiche politiche. Con Numeri alla mano facciamo proprio questo. Una rubrica settimanale di brevi notizie, con link per approfondire. Il giovedì alle 7 in onda anche su Radio Radicale. Leggi l’articolo “L’impatto della pandemia sui comuni e sulla finanza locale” e tutti gli altri approfondimenti del canale sui fabbisogni standard.

5,6 milioni

i poveri assoluti nel 2020 in Italia. Nel primo anno di emergenza, il numero di persone in povertà assoluta è aumentato di un milione, passando dai circa 4,6 milioni stimato nel 2019 a oltre 5,6 milioni. Prima del Covid il 7,7% della popolazione non poteva permettersi il paniere di beni considerati essenziali per mantenere un tenore di vita accettabile (come le spese per la casa, la salute e il vestiario). Nel 2020 questa quota è salita al 9,4%. Vai al grafico.

2

 le necessità che dopo la pandemia hanno investito le amministrazioni locali e nazionali. Da un lato, quella di tamponare la situazione con aiuti destinati alle tante persone in difficoltà, per la perdita del lavoro o per la chiusura temporanea della propria attività. Dall’altro, la crisi economica e dei consumi ha comportato anche un minor gettito con cui fare fronte all’emergenza, così come alle attività ordinarie degli enti. In particolare quelli più prossimi al cittadino, come i comuni e le altre istituzioni locali. Questo ha aperto una questione anche rispetto agli strumenti di finanza locale per reagire alla crisi. Vai all’articolo.

€ 3,5 mld

lo stanziamento nel 2020 del fondo per l’esercizio delle funzioni fondamentali degli enti locali. Il cosiddetto “Fondone Covid” ha previsto come ristoro 3 miliardi destinati ai comuni e 500 milioni a province e città metropolitane. Una misura rifinanziata per il 2021 (1,15 miliardi), che si aggiunge alle risorse erogate ai comuni dalla protezione civile per i buoni per le famiglie in difficoltà. Stanziate le risorse però si apre il tema di come assicurarsi che siano anche destinate correttamente sul territorio. Vai alla norma.

€ 28 mln

l’aumento delle spese comunali per la sanificazione delle scuole. I dati raccolti per i fabbisogni standard sono diventati un patrimonio informativo utile nell’emergenza. Ad esempio nel comparto dell’istruzione, è stato possibile stimare il costo delle spese di sanificazione – comune per comune – sulla base della dimensione degli edifici scolastici e del numero di alunni. Allo stesso modo, il modello Mimap (Municipal Income Map) ha consentito di stimare la variazione dei redditi e di determinare un incremento delle famiglie in difficoltà. Vai alla mappa.

€ 150 mln

la stima della perdita di addizionale comunale Irpef nel 2021, come valutata dal dipartimento delle finanze. Una cifra variabile sul territorio: prendendo le città maggiori, ad esempio, parliamo di circa 7 euro pro capite a Milano, 4,76 euro a Roma, circa 2 euro a Napoli, 3,56 a Torino. Queste sono solo alcune delle variabili entrate in gioco nella ripartizione del Fondo per l’esercizio delle funzioni fondamentali, ma che ci consentono di capire quanto sia importante l’uso e soprattutto la disponibilità di dati aggiornati anche nel fare fronte ad emergenze come questa. Vai al grafico.

Ascolta il nostro podcast su Radio Radicale

Read more

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.