Solinas, il governatore incompatibile che non si dimette dal senato Caricometro

Eletto alla presidenza della Sardegna a fine febbraio, Solinas non ha ancora lasciato ufficialmente il suo ruolo a Palazzo Madama. Risulta sempre “in missione”, non subisce quindi decurtazioni, e ogni tanto vota pure.

|

Proclamato ufficialmente a fine marzo, Christian Solinas è governatore della regione Sardegna da oltre 2 mesi. Da marzo del 2018 è però anche senatore della repubblica. I due incarichi, come stabilito dalla costituzione, sono incompatibili, e non possono cioè essere svolti contemporaneamente. Solinas aveva promesso di dimettersi una volta insediata la giunta regionale, cosa che però non è avvenuta.

Grazie alla presidenza di Palazzo Madama, Solinas non risulta assente ma bensì “in missione”.

Risulta quindi ancora membro di Palazzo Madama e, come se non bastasse, viene costantemente segnalato in missione, invece che assente, durante le votazioni dell’aula. Questo implica che non gli vengono inflitte decurtazioni alla diaria. Non solo, ogni tanto in questi mesi ha persino votato in parlamento, come sulla risoluzione per il Def o sull’autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini.

Doppi incarichi incompatibili

Il nostro sistema legislativo prevede una serie di norme per rendere la gestione delle istituzioni più equa. Alcuni incarichi infatti non si possono svolgere contemporaneamente, per evitare possibili conflitti di interesse. Le varie forme di incompatibilità sono stabilite dalla legge, ma soprattutto dalla costituzione.

Nessuno può appartenere contemporaneamente a un Consiglio o a una Giunta regionale e ad una delle Camere del Parlamento, ad un altro Consiglio o ad altra Giunta regionale, ovvero al Parlamento europeo

Incandidabilità, ineleggibilità e incompatibilità


"Caricometro, dove non arrivano le leggi"

Nel caso specifico, non si può appartenere ad una giunta regionale e contemporaneamente ad una delle due camere del parlamento. La situazione di Solinas quindi viola la costituzione, ed è resa possibile anche dal lento iter istituzionale necessario affinché il politico in questione scelta tra un incarico e l’altro.

Il caso Solinas

Christian Solinas, segretario nazionale del Partito sardo d’azione, è entrato per la prima volta in parlamento nel 2018, dopo una lunga carriera politica sul territorio. Un’ascesa che lo ha portato in parlamento, anche grazie all’accordo politico tra il suo partito e quello guidato da Matteo Salvini. Non a caso è tutt’ora vicepresidente del gruppo parlamentare “Lega-Salvini premier-Partito sardo d’azione” di Palazzo Madama. In aggiunta è anche membro della commissione bilancio, nonché vicepresidente della commissione antimafia.

Con le elezioni regionali dello scorso febbraio è diventato governatore della regione Sardegna, guidando alla vittoria la coalizione di centrodestra. Proclamato poi ufficialmente il 20 marzo successivo, Solinas è quindi in una situazione di incompatibilità da oltre 2 mesi. Da lì è cominciato un lungo lavoro, che ha sollevato non poche critiche, per la composizione della giunta regionale. Lavoro che si è concluso solamente l’8 maggio, richiedendo quindi una lunga contrattazione con le forze politiche sarde.

Durante tutto questo periodo in varie occasioni al governatore sardo è stata fatta notare la situazione di evidente incompatibilità. Interviste con la stampa, in cui ha sempre sottolineato come fosse sua intenzione dimettersi una volta formalizzata la giunta. In un’occasione, dello scorso 9 aprile, ha persino sottolineato di aver già inviato la sua lettera di dimissioni a Palazzo Madama, e che avrebbe formalizzato il tutto a voce appena trovato il tempo per andare ad una seduta.

Appena trovo il tempo per andare a una seduta, formalizzerò a voce la scelta. Ho comunque sessanta giorni di tempo dalla proclamazione

Dimissioni che però non sono mai arrivate, o almeno, ufficialmente non si sono mai concretizzate. Sul sito del senato Solinas risulta regolarmente senatore della repubblica, e soprattutto è ancora menzionato in tutti i resoconti stenografici delle sedute di aula.

La situazione in parlamento

Per rendere la situazione ancora più paradossale, Solinas, non potendo più partecipare alle sedute di aula del senato, non risulta assente, come dovrebbe essere, ma bensì in missione. Un elemento che ha delle ripercussioni non secondarie su una serie di aspetti.

Le missioni parlamentari sono autorizzate dal Presidente dell’aula. Poiché si tratta di una sorta di “assenza giustificata” i parlamentari in missione non subiscono alcuna decurtazione della diaria (un rimborso delle spese di soggiorno a Roma che ammonta a €3500 al mese per i senatori e a €3690 per i deputati). Vai a "Come si contano assenze, presenze e missioni parlamentari"

Da inizio legislatura quindi Christian Solinas è stato presente al 56,46% delle votazioni elettroniche, in missione al 33,67% e assente in solo il 9,87% dei casi. Un fatto paradossale considerando che da inizio anno Solinas è andato in aula per delle votazioni in sole 7 occasioni. Da quando è stato eletto poi, il governatore è andato a Palazzo Madama solo il 19, 20 e 21 marzo e il 18 aprile.

7 le presenze in parlamento alle votazioni elettroniche da inizio anno.

Formalmente quindi la presidenza di Palazzo Madama sta riconoscendo a Solinas delle assenze giustificate, nonostante di giustificato ci sia ben poco, permettendogli anche di non subire decurtazioni alla diaria.

Da senatore incompatibile, ha votato su alcuni atti chiave della XVIII legislatura.

Positivo o no, pur in una situazione di evidente incompatibilità, Christian Solinas non ha fatto mancare il suo contributo su alcuni voti particolarmente sfidanti per la maggioranza. Era presente per votare sull’autorizzazione a procedere nei confronti di Salvini, sulla mozione di sfiducia a Toninelli, e soprattutto quando l’aula ha affrontato il voto sulla risoluzione al documenti di economia e finanza (Def). Una scelta quantomeno fuori luogo, e che forse andava evitata a monte, prendendo la decisione di dimettersi nei giorni successivi alla sua proclamazione a governatore.

Ad oggi non si hanno più notizie formali sulle dimissioni che Solinas avrebbe già presentato. Certamente però in tutte le sedute di Palazzo Madama della scorsa settimana il governatore della regione Sardegna veniva indicato come in missione, come si può leggere dai resoconti stenografici di martedì 4 giugno, mercoledì 5 giugno e giovedì 6 giugno.

Chiediamo chiarezza e iter più rapidi per risolvere le incompatibilità

Procedure lente, macchinose e che lasciano così tanta discrezionalità ai politici coinvolti per le incompatibilità palesi non possono essere più tollerate. Una discrezionalità che nell’ultimo periodo ha portato a vari comportamenti, alcuni virtuosi altri un po’ meno.

Quando Luciano D’Alfonso, attualmente senatore del Partito democratico, è stato eletto a Palazzo Madama era governatore della regione Abruzzo. Abusando dei 60 giorni di tempo concessi per scegliere tra un incarico e l’altro, D’Alfonso mantenne il doppio incarico fino al 9 agosto, cioè 5 mesi dopo l’elezione al parlamento. Un elemento permesso anche dalla posticipata istituzione degli organi parlamentari, tra cui la giunta delle elezioni, dovuta soprattutto alla lunga fase di stallo politico-istituzionale che ha poi portato alla nascita del governo Conte.

Viene lasciata troppa discrezionalità nelle tempistiche per risolvere le incompatibilità.

A maggio dell’anno scorso invece avevamo raccontato come Massimiliano Fedriga (Lega), trovatosi in una situazione analoga a quella di Solinas, e sollecitato da openpolis per i medesimi motivi, avesse deciso di dimettersi dal parlamento in seguito alla sua proclamazione ufficiale a governatore del Friuli-Venezia Giulia. Un comportamento virtuoso, che potrebbe diventare una buona pratica da replicare in situazioni del genere.

Sfruttare i 60 giorni concessi per scegliere tra un incarico e l’altro, quando la scelta è palese sin dall’inizio, è una mancanza di rispetto nei confronti di cittadini ed istituzioni.

Aggiornamento del 20 giugno – Dimissioni di Solinas

A seguito del nostro articolo, e all’azione popolare depositata dai Radicali italiani, il 19 giugno il governatore della regione Sardegna Christian Solinas ha ufficializzato le sue dimissioni dal senato.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.