Decreti attuativi, al governo Conte non interessa la trasparenza Leggi incomplete

È da 8 mesi che l’esecutivo non aggiorna il sito dedicato ai decreti attuativi. Ai cittadini non è dato sapere come procede l’attuazione del programma di governo: perché?

|

Da quando si è insediato, il governo Conte ha fatto capire di non essere interessato alla trasparenza dei decreti attuativi. Lo ha fatto capire soprattutto nei fatti, facendo tornare il nostro paese indietro di quasi 10 anni, quando la presidenza del consiglio non rilasciava nessuno tipo di dato in materia.

Con questa scelta si torna indietro di molti anni, e subirne la conseguenza peggiore è la comprensione dei processi politici.

L’ufficio per il programma di governo (Upg) infatti non pubblica aggiornamenti dal 9 luglio scorso. Un rilascio che già era stato complicato considerando che, una volta insediato l’esecutivo, il sito dell’Upg era stranamente andato offline, tornando accessibile solo in seguito ad una nostra richiesta.

Insomma, considerando l’importanza della materia, il governo sta dando segnali poco incoraggianti, rendendo il monitoraggio dell’attuazione del programma di governo un compito impossibile.

Cosa sono i decreti attuativi e perché è importante monitorarli

Il processo legislativo in Italia è complesso e lungo, e coinvolge numerosi attori. Comunemente si pensa solo al parlamento. Qui le proposte di legge, e il tanto lavoro in aula e nelle commissioni, contribuiscono in maniera imprescindibile alla formazione delle norme che regolano la vita nel nostro paese.

Non basta approvare una legge, spesso servono decreti attuativi dei ministeri per implementarla.

 

Ma si tratta solo di una prima parte dell’iter, che possiamo definire “il primo tempo” delle leggi. Dopo l’attività di parlamento e governo comincia infatti un secondo tempo, altrettanto importante, ma più lungo e complesso.

Spesso infatti aspetti pratici, burocratici e tecnici necessari per applicare e implementare le leggi sono affidati ad altri soggetti istituzionali, principalmente i ministeri. Questi si devono occupare dei cosiddetti decreti attuativi, provvedimenti necessari per completare gli effetti della norma stessa. Si tratta di una fase molto particolare dell’iter legislativo, per due motivi: l’azione si sposta fuori dal parlamento, e si moltiplicano la tipologia di atti e di iter coinvolti. Vai a "Che cosa sono i decreti attuativi"

Il sito dell’ufficio per il programma di governo, istituito nel 2012 dal governo Monti, permetteva di monitorare tempi e modalità dell’attuazione delle norme. Un lavoro evidentemente molto complesso, ma fondamentale per capire se le leggi approvate dal parlamento trovassero poi riscontro nella vita di tutti i giorni.

Il tutto veniva realizzato attraverso la pubblicazione di report e relazioni, che dal governo Renzi in poi sono diventati più ricorrenti, con cadenza mensile o bimensile. Pubblicazioni che, per quanto preziose, erano da considerare solo un punto di partenza, in quanto limitate rispetto alla complessità della materia, sia per la natura e che per il formato dei contenuti diffusi.

L’arrivo del governo Conte, e un lungo silenzio

Dal suo insediamento l’attuale esecutivo ha dato segnali poco incoraggianti. Come segnalato a fine giugno, 20 giorni dopo l’inizio del governo, il portale in questione era andato offline. Dopo un paio di settimane dall’uscita del nostro articolo, il sito web è tornato ad essere navigabile, e furono rilasciati i dati dell’attuazione.

Un evento che ci permise di pubblicare una prima analisi, basata solamente su dati ufficiali, su due aspetti centrali: la mole di decreti attuativi ancora da adottare ereditati dai governi precedenti, e il numero di provvedimenti richiesti dai testi approvati durante il primo mese di vita dell’esecutivo Conte.

238 giorni senza aggiornamenti da parte del governo sui decreti attuativi.

Da quel 9 luglio però il sito è rimasto completamente fermo. Non sono stati pubblicati aggiornamenti, non sono state rilasciate comunicazioni a riguardo, e i cittadini non hanno quindi più modo di rimanere informati. Il sottosegretario alla presidenza del consiglio con delega in materia è Giancarlo Giorgetti, e a lui chiediamo il perché di questo lungo, infinito, silenzio da parte dell’esecutivo.

Zero trasparenza sui decreti attuativi, chiediamo il perché a #Giorgetti. @GiuseppeConteIT

Il problema è grande, anche perché tra la legge di bilancio e decreti del governo, i provvedimenti che necessitano di un attento monitoraggio non sono pochi. Proprio l’attuazione della recentemente approvata manovra finanziaria sarà un tema clou dei prossimi mesi, considerando che, come analizzato in precedenza, tutte le ultime leggi di bilancio approvate dai governi della scorsa legislatura sono ancora incomplete. Lo sappiamo proprio grazie alle vecchie pubblicazioni dell’ufficio per il programma di governo. Informazione che attualmente non è disponibile per la legge di bilancio targata governo Conte.

Numero di decreti attuativi previsti, e quelli ancora da adottare a confronto. Legge di bilancio 205, 2016 e 2017 (governo Renzi), legge di bilancio 2018 (governo Gentiloni).

FONTE: Ufficio per il monitoraggio del programma di Governo
(ultimo aggiornamento: mercoledì 19 Dicembre 2018)

Risposte e trasparenza

La scelta politica sembra evidente. Sono passati 9 mesi dall'inizio del governo Conte, e sono ormai finite possibile attenuanti. Non si può più considerare quest'attesa come una normale fase di transizione tra un governo e l'altro, considerando che l'esecutivo è stabilmente insediato da tempo. È chiaro, perché questo è il messaggio che si sta dando, che al governo Conte non interessi rendere trasparente il processo di implementazione legislativa.

Al governo Conte non interessa rendere comprensibile il processo di implementazione legislativa.

È legittimo chiedersi il perché di tutto ciò, ma soprattutto diventa legittimo richiedere un forte cambio di passo da parte del sottosegretario Giorgetti e tutta la squadra di governo. C'è bisogno di una piena apertura della materia, con il rilascio di dati in maniera continua. Le nostre richieste sono le stesse di 8 mesi fa.

È necessaria la pubblicazione per ogni legge approvata e per ogni decreto legislativo emanato in consiglio dei ministri di una tabella con le seguenti informazioni:

  • numero di provvedimenti attuativi previsti;
  • ministeri coinvolti;
  • norme specifiche da attuare (con riferimento ad articoli e commi del testo) e scadenza per l’adozione;
  • tipologia di provvedimenti necessari;
  • il tutto reso disponibile in formato aperto, per permettere un effettivo monitoraggio da parte dei cittadini e una migliore analisi da parte di giornalisti e studiosi della materia.

È giusto tenere sempre alta l'attenzione sul tema per evitare che un gesto fatto in silenzio e di cui troppo poco si è parlato, diventi l'abitudine. Con un'iter legislativo che sta sempre più depotenziando le aule di camera e senato, è giusto e necessario che il faro sia puntato in maniera costante dove conta realmente.

 

Update del 6 marzo 2019

A seguito del nostro articolo, l'Ufficio per il programma di governo ha pubblicato un aggiornamento dei dati sui decreti attuativi. Sarà ora nostra premura analizzare quanto reso disponibile, e monitorare sui futuri rilasci da parte dell'esecutivo.

Foto credit: Flickr Palazzo Chigi - Licenza

 

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.