La vera emergenza è quella degli irregolari

Ad un anno dall’approvazione del decreto sicurezza siamo andati ad analizzare le conseguenze che le norme volute dal governo Conte I hanno cominciato a produrre sul fronte interno delle politiche di immigrazione, quello dell’accoglienza dei migranti in Italia.

|

Il Fatto Quotidiano 18 Dicembre 2019

Il Fatto Quotidiano è tornato sul tema dei rimpatri e del numero di stranieri presenti nel nostro paese in condizione di irregolarità.

L’articolo riprende la prima parte di Centri d’Italia 2019 “La stretta del decreto sicurezza al sistema di accoglienza” rispetto alle stime sulla crescita del numero di irregolari.

L’impatto del decreto sicurezza I, con la soppressione della protezione umanitaria, è immediato e si traduce nell’aumento della percentuale dei “diniegati”. In numeri assoluti significa che nel 2019 il totale dei dinieghi si avvicinerà alla cifra di 80mila persone che rischieranno di essere estromesse dal sistema e destinate, in gran parte, ad aggiungersi alla popolazione degli irregolari. Questa dal 2013 è in costante crescita, a causa principalmente della sostanziale chiusura dei canali legali di ingresso per motivi lavorativi. In questo scenario stimiamo che il numero degli irregolari potrà arrivare a circa 680mila entro il 2019 e superare i 750mila a gennaio del 2021.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.