Il finanziamento della politica e i gruppi parlamentari

Con la fine dei rimborsi elettorali ai partiti, e la difficoltà del 2×1000 di decollare, i gruppi di camera e senato sono diventati i principali titolari del finanziamento pubblico alla politica.

|

Il Foglio 14 Ottobre 2020

Il Foglio è tornato a occuparsi di partiti politici e ha ripreso i dati sul finanziamento pubblico e sui gruppi parlamentari dal nostro approfondimento “Partiti deboli, democrazia fragile“.

Mentre il finanziamento pubblico ai partiti veniva ridotto, passando da oltre 90 milioni di euro annui (certi) ai circa 14 attuali (incerti), quello ai gruppi parlamentari è rimasto invariato, attorno ai 53 milioni (22 al senato e circa 31 alla camera). Per questa ragione i gruppi parlamentari hanno acquisito una nuova centralità nello scenario politico.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.