Il divario digitale in Italia e il piano di ripresa e resilienza

L’Unione europea negli ultimi anni ha avviato numerose iniziative volte a ridurre il divario digitale tra i paesi membri. In questa direzione si inseriscono anche importanti risorse stanziate all’interno del piano nazionale di ripresa e resilienza. Ne parla Il Quotidiano del Sud citando un nostro approfondimento.

|

Quotidiano del Sud 17 Gennaio 2022

Il Quotidiano del Sud pubblica un articolo sulle iniziative intraprese dal governo italiano a proposito del rafforzamento della rete internet in alcuni territori dell’Italia. Nel farlo riprende i nostri dati oggetto dell’approfondimento “Le regioni europee divise dalla connessione internet“.

Nel piano nazionale di ripresa e resilienza, infatti, sono previste ingenti risorse per la crescita della digitalizzazione del nostro paese, con particolari attenzione ad alcune regioni del sud, che si trovano ancora sotto la media europea in quanto a diffusione della connessione internet.

Allargando lo sguardo al continente europeo, sono diversi i sono i paesi dell’est e sud Europa, in particolare la Grecia, il Portogallo e il sud Italia in cui non viene raggiunto neanche l’80% della popolazione.

Sono tre regioni della Bulgaria ad avere le percentuali più basse, inferiori al 75%. Seguono la regione portoghese Alentejo (74%), la Calabria (77%), Centro in Portogallo (77%) e Yugozapaden in Bulgaria (77%). Anche la Sicilia e la Puglia sono tra le regioni europee che non raggiungono l’80%.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito utilizza solo cookie tecnici. È possibile leggere l’informativa cliccando qui.