I giovani a rischio criminalità e bullismo

Per bambini e ragazzi crescere significa molte cose. Dai cambiamenti a livello psicofisico allo sviluppo della propria personalità, dai processi di apprendimento – dentro e fuori la scuola – all’ampliamento delle proprie reti sociali e di amicizia.

|

Domani 4 Ottobre 2021

Sul quotidiano Domani vengono riportati alcuni dati dei nostri report sulla povertà educativa, in uno spazio realizzato in collaborazione con l’impresa sociale Con i bambini.

Il tema è quello dei “giovani a rischio“. Il 10,5% dei ragazzi che vivono in zone molto disagiate del paese ha subito atti di bullismo una o più volte alla settimana. Tra chi vive in zone con meno disagio la quota scende, invece, all’8%.

Le cosiddette “devianze” non hanno ovviamente una sola causa. Si tratta di un fenomeno multifattoriale, che può avere molte radici. Una di queste è sicuramente un contesto di deprivazione sociale, che espone soprattutto ragazze e ragazzi che vivono in territori difficili e in famiglie segnate da forte disagio economico.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.