Due anni di FOIA

Grazie alla legge sul FOIA è stato possibile accedere a dati fin’ora preclusi. Molti nuovi progetti si basano su dati acquisiti in questo modo e tra questi Centri d’Italia.

|

Agi 23 Dicembre 2018

Un articolo sul blog di Agi rilancia il tema della libertà di accesso agli atti a due anni dall’introduzione in Italia del FOIA (la legge sull’accesso generalizzato ai documenti della pubblica amministrazione).

L’articolo ripercorre la lunga battaglia che ha portato all’approvazione della legge ed elenca alcuni importanti progetti che hanno poi fatto ricorso al nuovo diritto di accesso agli atti. Tra questi si trova anche Centri d’Italia, il nostro report su bandi, gestori e costi dell’accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati. Per realizzare questo rapporto infatti abbiamo fatto ricorso al FOIA, richiedendo a tutte le prefetture d’Italia dati su presenze, flussi, gestori e costi di gestione dei centri di accoglienza.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.