Con le nuove regole parte del terzo settore si chiama fuori dall’accoglienza

I territori che più si erano strutturati su modelli di accoglienza diffusa hanno sofferto maggiormente le nuove regole.

|

La Repubblica 7 Gennaio 2020

Un articolo de La Repubblica ha ripreso Errore di sistema, la seconda parte di “Centri d’Italia: la sicurezza dell’esclusione” il rapporto dove abbiamo analizzato i primi effetti del decreto sicurezza sul sistema di accoglienza dei migranti.

Al taglio dei servizi, previsto dal nuovo capitolato di gara, si aggiunge una drastica riduzione degli importi messi a disposizione per la gestione dei centri. Per di più tra i tre tipi di centro ora previsti i tagli più consistenti coinvolgono proprio quelli che prevedono l’accoglienza diffusa in piccoli appartamenti. Proprio contro questo netto cambio di direzione si è sviluppata fin da subito la protesta degli enti gestori, che si sono opposti alle nuove regole sia dal punto di vista della sostenibilità economica sia contestando il taglio dei servizi.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.