Il reddito di inclusione e la questione povertà al sud Povertà

Le prime analisi indicano una prevalenza di beneficiari nel mezzogiorno. Alcuni dati per contestualizzare meglio.

|

La scorsa settimana l’Inps ha presentato i primi dati sul reddito di inclusione (rei), la misura di contrasto alla povertà partita a gennaio. Nei primi 3 mesi del 2018 ha raggiunto 317mila persone, per oltre il 70% famiglie meridionali. Questo dato ha riaperto la questione (mai sopita) delle condizioni sociali del mezzogiorno. In che stato si trovano le diverse aree del nostro paese? Lo vediamo con alcuni dati.

Che cos’è e come funziona il reddito di inclusione

È la misura nazionale anti-povertà varata dai governi Renzi e Gentiloni. Si tratta di un assegno mensile che varia in base a quanto è numerosa la famiglia: si va dai 187,50 euro al mese per un solo componente ai circa 540 euro per le famiglie con almeno 5 membri. Viene erogato attraverso una carta prepagata, e possono riceverlo i nuclei familiari in gravi condizioni economiche (sotto i 6.000 euro di isee e altri limiti patrimoniali).

Il rei prevede un sussidio per il nucleo familiare e l’attivazione di un progetto per l’uscita dalla povertà.

Se ne fa richiesta al comune di residenza, ed è condizionato all’adesione ad un progetto personalizzato di uscita dalla povertà predisposto con i servizi sociali, che dovrebbe aiutare nella ricerca di un lavoro e nella formazione. Può essere erogato per un anno e mezzo e, trascorsi 6 mesi, si può chiedere il rinnovo per un altro anno. Ad oggi è subordinato anche ad altri requisiti (la presenza di almeno un minore nella famiglia, oppure di un disabile, una donna incinta o una persona disoccupata con più di 55 anni), ma da luglio 2018 (grazie alle risorse aggiunte con l’ultima legge di bilancio) resteranno solo i requisiti economici, rendendolo una misura universale.

Quanto vale e a chi è rivolto

A regime è previsto uno stanziamento pari a circa 2 miliardi di euro annui, capaci di raggiungere 2,5 milioni di persone. Un passo avanti ma ancora non in grado di corrispondere all’intera platea dei poveri assoluti in Italia, quantificata da Istat in 4,7 milioni di individui. Un numero che nel corso dell’ultimo decennio è cresciuto in conseguenza della crisi economica.

Quindi attualmente il reddito di inclusione può aiutare circa la metà delle persone più povere in Italia. Ma ciò che ha destato scalpore è che oltre 7 beneficiari del rei su 10 vivano nelle regioni del mezzogiorno. Come si spiega questo dato?

La povertà nel mezzogiorno

Per cominciare, dei 4,7 milioni di poveri assoluti in Italia, oltre 2 milioni vivono nel sud e nelle isole. Questo elemento va inquadrato non solo in termini assoluti, ma anche rispetto al totale della popolazione residente. Data la minore popolosità, al sud la povertà assoluta incide maggiormente (9,8%). Significa che quasi un abitante su 10 non può permettersi l’insieme dei beni e servizi che sono considerati essenziali per mantenere uno standard di vita minimamente accettabile.

Ma il dato può essere spiegato soprattutto con la mancanza di lavoro: le regioni con più beneficiari del rei sono anche quelle dove il tasso di disoccupazione è più alto. Campania, Sicilia e Calabria sono le 3 regioni dove il numero di percettori del reddito di inclusione è di gran lunga maggiore. Sono anche le uniche ad aver registrato nel 2017 un tasso di disoccupazione superiore al 20%.

La relazione tra mancanza di lavoro e percettori del rei riguarda tutte le regioni italiane, con l'eccezione apparente della Puglia: quarta per disoccupazione (18,8%) e solo nona per quota di beneficiari (33,7 ogni 10.000 abitanti). Ma si tratta appunto di un'apparenza: i dati sul rei per adesso non integrano i beneficiari di altri sussidi regionali, come il reddito di dignità pugliese.

20,9% il tasso di disoccupazione in Campania, prima per percettori del rei

Questo porta a un'ulteriore considerazione per le future politiche in materia di lotta all'indigenza. Il rei è stato concepito con un impianto a "due gambe", una prevede l'aiuto materiale, l'altra un progetto di reinserimento lavorativo, laddove questa è la causa principale della povertà della famiglia. Aspetti che andranno tenuti necessariamente insieme, perché la curva dei poveri assoluti torni a scendere.

Foto credit: Palazzo Chigi - Licenza

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.