Partner

Affinché tutti i bambini e i ragazzi abbiano pari opportunità educative, un aspetto fondamentale da garantire è la raggiungibilità delle scuole attraverso mezzi di trasporto pubblici.

Il trasporto pubblico locale è un servizio essenziale per tutta la comunità.

Non tutti i genitori possono accompagnare quotidianamente i propri figli a scuola, sia per questioni di tempo che per mancanza di un proprio mezzo privato. Per permettere a tutti di frequentare gli edifici scolastici senza difficoltà, a prescindere dal proprio luogo e contesto di origine, il territorio deve dunque essere ben collegato con le scuole. Che si tratti di mezzi urbani, interurbani, ferroviari o di trasporto scolastico.

Nel 2018 risultano essere 40.160 gli edifici scolastici statali in Italia, tra scuole dell’infanzia, primarie e secondarie. Di queste, sono 34.531 quelle raggiungibili con mezzi di trasporto pubblico, cioè l’86%.

84,2% gli edifici scolastici statali raggiungibili con mezzi di trasporto pubblico in Sicilia.

Una quota quindi, quella della regione Sicilia, inferiore di quasi 2 punti rispetto alla media nazionale e che al suo interno varia ampiamente. Tra province che superano il 90% di scuole raggiungibili con almeno un mezzo alternativo all’auto privata e altre con percentuali inferiori al 70%.

I dati mostrano la percentuale di edifici scolastici raggiungibili da almeno un mezzo pubblico (urbano, scolastico o interurbano) sul totale degli edifici scolastici statali.

FONTE: elaborazione openpolis - Con i Bambini su dati Miur
(ultimo aggiornamento: mercoledì 4 Marzo 2020)

Si tratta del 54,3% degli edifici scolastici statali, cioè la percentuale più bassa non solo tra le province siciliane ma tra quelle di tutta Italia. Con circa 10 e 20 punti in più, Trapani è preceduta da Siracusa e Ragusa, anche loro però con dati inferiori sia alla media regionale (84,2%), che a quella nazionale (86%).

Entrambe quote che vengono invece superate dalle province al lato opposto della classifica. Prima Enna, con il 95,8% di scuole accessibili al trasporto pubblico, seguita da Catania, Messina e Caltanissetta, tutte al di sopra del 90%.

Enna

In base ai dati 2018, sono solo 7 su 165 gli edifici scolastici non raggiungibili con i mezzi di trasporto in provincia di Enna. Dati che la rendono prima in Sicilia per raggiungibilità e che sono il risultato di alti livelli di accessibilità delle scuole in quasi tutti i comuni del territorio.

FONTE: elaborazione openpolis - Con i Bambini su dati Miur
(ultimo aggiornamento: mercoledì 4 Marzo 2020)

La maggior parte dei territori registra il 100% di edifici scolastici accessibili, mentre solo 6 hanno 1 o più edifici scolastici non raggiungibili con il trasporto pubblico.

L'unico comune a quota 0% è quello con meno residenti 6-18.

Si tratta di Sperlinga, dove l'unica scuola presente non risulta raggiungibile con i mezzi. Tra gli altri territori che registrano percentuali inferiori al 100% troviamo alcuni dei comuni più popolosi della provincia. Come Piazza Armerina (96%) e Nicosia (86,7%). Da notare comunque che in entrambi i casi si tratta di quote elevate, superiori alla media nazionale (86%). Il capoluogo invece, con 21 scuole tutte accessibili, raggiunge il 100% come la maggior parte del territorio provinciale.

Trapani

Totalmente diversa da Enna è la situazione delle provincia di Trapani, ultima per scuole raggiungibili sia in Sicilia che in tutta Italia. Una situazione che, fatta qualche eccezione, riguarda tutti i comuni del territorio.

7 su 24 i comuni in provincia di Trapani dove, nel 2018, tutte le scuole risultavano raggiungibili con il trasporto pubblico.

FONTE: elaborazione openpolis - Con i Bambini su dati Miur
(ultimo aggiornamento: mercoledì 4 Marzo 2020)

Il capoluogo non rientra dunque tra le eccezioni. Anzi, è uno dei comuni con la quota più bassa, con solo 9 scuole raggiungibili su 65 (13,8%). Dati inferiori si registrano solo a Favignana e San Vito Lo Capo, dove nessun edificio scolastico risulta accessibile (0%).

Al contrario, tra i comuni che superano la media nazionale (86%) raggiungendo la totalità di scuole raggiungibili (100%) troviamo Valderice, Petrosino, Pantelleria e Custonaci.

Scarica, condividi e riutilizza i dati

I contenuti dell'Osservatorio povertà educativa #conibambini sono realizzati da openpolis con l'impresa sociale Con i Bambini nell'ambito del fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Mettiamo a disposizione in formato aperto i dati utilizzati nell'articolo. Li abbiamo raccolti e trattati così da poterli analizzare in relazione con altri dataset di fonte pubblica, con l'obiettivo di creare un'unica banca dati territoriale sui servizi. Possono essere riutilizzati liberamente per analisi, iniziative di data journalism o anche per semplice consultazione. I dati sulla raggiungibilità con mezzi pubblici degli edifici scolastici statali sono di fonte Miur. Dati non disponibili per il Trentino Alto Adige.

Per conoscere quante scuole sono raggiunte da mezzi pubblici nel tuo territorio, clicca sulla casella Cerca… e digita il nome del tuo comune. Puoi cambiare l’ordine della tabella cliccando sull’intestazione delle colonne.

FONTE: elaborazione openpolis - Con i Bambini su dati Miur
(ultimo aggiornamento: mercoledì 4 Marzo 2020)

Foto credit: Pixabay Free-Photos - Licenza

PROSSIMA PARTE
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.