A maggio 2020 sono stati rinnovati gli organi sociali delle più grandi aziende pubbliche. Società soggette alla legge sulle quote di genere e che superano la soglia del 30% di donne, ma che in tema di disparità presentano ancora diverse criticità, come l'assenza di donne dalla carica di amministratore delegato.