L’importanza dei musei per i minori

Sul territorio nazionale Istat ha censito 4.889 tra musei e luoghi assimilabili, come aree archeologiche, ville, chiese e parchi di interesse storico o artistico.

|

La versione di Oscar 25 Giugno 2019

Oscar Giannino nella sua trasmissione su Radio 24 ha trattato il tema della riforma Bonisoli e dei suoi effetti sui musei.

Ascolta la puntata

Nel corso della trasmissione viene citato il nostro approfondimento “Perché è importante che i musei siano accessibili per i bambini” dove abbiamo indagato il rapporto tra istituzioni museali e minori.

I dati che abbiamo analizzato rispetto alla tendenza a frequentare musei delle diverse fasce di età sembrano indicare due tendenze in apparenza opposte. Da un lato, fino alla maggiore età, bambini e ragazzi sono quelli che totalizzano più spesso almeno una visita all’anno, con percentuali di poco inferiori al 50% del campione. Dall’altro, si tratta di presenze relativamente meno assidue se confrontate con le altre fasce d’età: 4-5% con 7 visite l’anno, contro una media del 7,1%.

Una possibile spiegazione è che l’esperienza in quelle fasce d’età è probabilmente molto legata alle uscite con la scuola. Ciò rende quindi centrale il ruolo di quest’ultima nel permettere a tutti i bambini e le bambine di accedere ai luoghi della cultura.

 

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.