I bambini e l’accesso nei musei

Storicamente i musei sono stati concepiti per la fruizione di un pubblico adulto. Negli ultimi anni però sono state avviate importanti iniziative in senso contrario, perché la presenza di bambine e bambini nei musei non venga considerata residuale.

|

Redattore socaiale 26 Marzo 2019

Redattore sociale ha ripreso in un articolo l’ultimo approfondimento del nostro canale sulla povertà educativa dal titolo “Perché è importante che i musei siano accessibili per i bambini“.

Ancora oggi infatti negli allestimenti, nei testi, nelle modalità con cui si svolgono le visite, è frequente che il target siano solo le persone adulte e non anche bambini e ragazzi.

La frequenza con cui i bambini frequentano i musei varia poi notevolmente nelle diverse regioni italiane. La Calabria ad esempio è la regione in cui si trova la maggior percentuale di minori che non hanno visitato un museo nell’anno precedente, ovvero il 78% contro una media nazionale del 55%.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.