La spesa dei comuni per il trasporto pubblico locale

In Italia, il trasporto pubblico locale ricopre un ruolo subalterno rispetto alla mobilità individuale. Anche in ambito urbano i cittadini preferiscono muoversi con mezzi propri, con conseguenze negative sull’aumento del traffico e dei livelli di inquinamento.

|

Corriere Buone Notizie 27 Agosto 2019

Il Corriere Buone Notizie ha dedicato un approfondimento al trasporto pubblico locale riprendendo dati e analisi del nostro approfondimento “Quante risorse dei comuni sono destinate al trasporto pubblico locale“.

Dalla nostra analisi emerge come Milano sia il primo capoluogo per offerta del servizio, con 16.218 posti per abitante, seguita da Venezia e Brescia. Al sud invece emerge Cagliari, quarta con 7.230 posti. Complessivamente, i capoluoghi di provincia del nord Italia riescono a offrire una maggiore copertura rispetto a quelli del sud, suggerendo una discrepanza tra le due aree del paese.

Quanto alla spesa procapite nelle città con più di 200mila abitanti è sempre Milano a classificarsi al primo posto, con una spesa nettamente superiore a quella degli altri comuni. Seguono Firenze e Roma, mentre chiudono la classifica Torino e Trieste.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.