La relazione tra occupazione femminile e servizi per la prima infanzia

Il divario occupazionale tra uomo e donna è un problema che riguarda tutti i paesi europei. Una disparità che dipende in gran parte dalla tendenza a far ricadere sulla donna, più che sull’uomo, le responsabilità genitoriali.

|

Il Giorno 7 Maggio 2020

Un articolo de Il Giorno ha ripreso dati e analisi del nostro recente approfondimento “Il ruolo degli asili nido per l’occupazione femminile“.

Nonostante la situazione sia migliorata nel corso degli anni, l’Italia è tra i paesi Ue dove la disparità occupazionale tra padri e madri risulta più alta con una differenza in punti percentuali tra tasso di occupazione di uomini e donne con figli del 28,1%. Un elemento determinante nell’aggravare la situazione occupazionale delle madri è l’inaccessibilità dei servizi educativi per la prima infanzia. Sia per una carenza di strutture, sia per questioni economiche.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.