Il diritto di conoscere come viene gestito il sistema di accoglienza italiano

L’accesso ai dati amministrativi sui centri di accoglienza presenti in Italia è stato fino a oggi sostanzialmente precluso alla società civile. Un’importante sentenza del Tar ha però ribadito il diritto di conoscere i dati sui centri di accoglienza, detenuti dal ministero dell’interno.

|

Vita 13 Maggio 2020

Vita ha ripreso il comunicato con cui, assieme ad Action Aid, abbiamo dato notizia della sentenza con cui Tar ha confermato le ragioni della nostra richiesta di accesso generalizzato agli atti, rivolta al ministero dell’interno.

Il persistente rifiuto del Viminale di accogliere le nostre richieste ci aveva costretto in questi anni a ricorrere a vari sistemi alternativi per raccogliere dati sul sistema di accoglienza italiano. Con questa sentenza il Tribunale amministrativo del Lazio ha confermato la correttezza delle nostre richieste. Viene stabilito quindi un precedente importante per tutti coloro che sono interessati ai dati in questo settore ma anche, più in generale, per l’applicazione del cosiddetto Foia.

Leggi “L’accesso ai dati amministrativi sui centri di accoglienza è un diritto

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.