I correttivi che mancano alla riforma sul taglio dei parlamentari

Tra le tante conseguenze della pandemia, anche il blocco di qualsiasi provvedimento parlamentare che non riguardasse l’emergenza Coronavirus. Tra questi anche i correttivi alla riforma costiuzionale sul taglio dei parlamentari.

|

La Notizia 24 Giugno 2020

La Notizia ha ripreso in un articolo il nostro approfondimento “Taglio dei parlamentari, ci siamo dimenticati dei correttivi“.

Dopo un voto di fiducia travagliato, il governo ha ottenuto l’approvazione dell’aula sul decreto elezioni. A settembre si dovrebbe tenere il referendum confermativo sul taglio dei parlamentari. Un provvedimento che è stato alla base dell’accordo di governo tra Movimento 5 stelle e centrosinistra.

Ma tra le tante conseguenze della pandemia, anche il blocco di qualsiasi provvedimento parlamentare che non riguardasse l’emergenza Coronavirus. Tra questi anche i correttivi alla riforma, altri 2 disegni di legge costituzionali, che ancora devono essere approvati. Non è chiaro se e quando ricomincerà il loro iter, se verrano approvati, e soprattutto se richiederanno un ulteriore referendum confermativo. Il rischio è quindi di una riforma dimezzata, che creerebbe solo confusione normativa.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.