Gli effetti del decreto sicurezza a un anno dalla sua approvazione

Le intenzioni del decreto sicurezza erano meno arrivi, meno diritti per chi arriva, più espulsioni. L’esito promesso è più sicurezza, ma gli effetti reali sono piuttosto l’aumento degli irregolari e la concentrazione dei migranti in grandi centri.

|

Fanpage 5 Novembre 2019

Fanpage ha dedicato un articolo alla prima parte del nostro report “Centri d’Italia: la sicurezza dell’esclusione“.

Dal 10 dicembre 2018, data di entrata in vigore del nuovo capitolato, a inizio agosto 2019 abbiamo contato 428 contratti d’appalto messi a bando da 89 prefetture su tutto il territorio italiano. Per oltre la metà dei casi si tratta di proroghe di contratti in corso o di procedure rivolte a situazioni specifiche, spesso per trovare soluzioni provvisorie in attesa che il nuovo sistema entrasse pienamente in funzione. Dunque risultano soltanto 208 accordi quadro che hanno seguito gli standard del nuovo capitolato. Tra questi, poi, ve ne sono alcuni ripetuti. Questo accade quando una prima gara pubblicata da una prefettura è andata deserta, perché nessuno si presenta, oppure quando i posti assegnati non sono sufficienti per coprire il fabbisogno.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.