Quanto sono presenti i servizi essenziali nelle case delle famiglie

Indice di disponibilità dei servizi nell’abitazione (censimento 2011)

Dal momento che stiamo parlando di servizi essenziali, circa 9 comuni su 10 sono compresi tra il 98% e il 100% di case con queste disponibilità. Allo stesso tempo emerge come vi sia un legame tra la carenza di servizi nell’abitazione e la diffusione di famiglie in disagio economico. I 10 capoluoghi di provincia con meno servizi nell’abitazione sono tutti compresi tra i primi 20 per quota di famiglie in disagio.

Il dato calcola la media aritmetica dei rapporti percentuali tra il numero delle abitazioni occupate fornite di servizio (considerate 5 categorie di servizi: acqua potabile interna, gabinetto interno, vasca o doccia, riscaldamento, acqua calda) all’interno dell’abitazione e il totale delle abitazioni occupate.

FONTE: elaborazione openpolis - Con i Bambini su dati Istat
(ultimo aggiornamento: sabato 31 Dicembre 2011)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.