Nelle province del mezzogiorno più ampi i divari di genere sull’occupazione

Differenza in punti percentuali tra la quota di donne e quella di uomini occupati

Il gap di genere nell’occupazione è a sfavore delle donne. Le distanze più ampie si registrano nel sud, soprattutto in Sicilia e Puglia. Nella provincia di Barletta-Andria-Trani ci sono 30 punti di divario tra il tasso di occupazione maschile e quello femminile. In quella di Caltanissetta 26,3; a Foggia 25,6; seguono con dati poco inferiori Bari, Ragusa, Siracusa e Agrigento.

La mappa mostra la differenza in punti percentuali tra il tasso di occupazione maschile e quello femminile. Più è scuro il colore, maggiore il gap a svantaggio delle donne.

FONTE: elaborazione openpolis - Con i bambini su dati Istat (censimento 2011)
(ultimo aggiornamento: lunedì 31 Dicembre 2012)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.