Lo squilibrio di genere tra i giudici della consulta

Ancora oggi il numero di donne giudici della corte costituzionale è molto basso e la maggior parte sono state nominate dal Quirinale.

Delle 3 donne che fanno attualmente parte della corte 2 sono state nominate dal presidente della repubblica e una dal parlamento.

Per il parlamento tuttavia si trattava del primo caso di questo tipo, mentre in precedenza la scelta era sempre ricaduta su degli uomini.

Complessivamente invece il Quirinale ha nominato 5 donne a giudice della corte, la prima a metà degli anni ’90. Inoltre delle ultime 6 nomine fatte dal colle la metà sono state attribuite a donne.

I giudici della corte costituzionale sono 15 e durano in carica 9 anni. Un terzo dei giudici è nominato direttamente dal presidente della repubblica, un terzo è eletto dal parlamento e un terzo dalle alte magistrature. La nomina di questi ultimi inoltre è suddivisa tra la corte di cassazione (che ne nomina 3), il consiglio di stato (1) e la corte dei conti (1).

FONTE: openpolis
(ultimo aggiornamento: venerdì 25 Settembre 2020)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.