L’aiuto allo sviluppo nel 2020 e i fondi destinati alla lotta al Covid-19

I primi 15 paesi Dac per fondi complessivi destinati alla cooperazione e la componente di aiuto indirizzata alla lotta alla pandemia.

Stando ai dati preliminari nel corso del 2020 i membri del comitato Ocse Dac hanno destinato 20,9 miliardi di dollari di fondi della cooperazione alla lotta al Covid-19. Si tratta però di dati parziali che con la pubblicazione dei dati definitivi a dicembre dovrebbero essere rivisti a rialzo. Per molti donatori infatti il processo di raccolta e sistematizzazione di questi dati è ancora in corso. In ogni caso ad oggi il maggiore contributore in termini di risorse della cooperazione destinate alla lotta al coronavirus risulta essere l’Unione europea (intesa come istituzioni) con circa 9 miliardi di dollari. Quanto agli stati invece al primo posto si trova il Giappone ($2,9 mld), seguito da Francia ($2,2 mld), Regno Unito ($1,7 mld) e Germania ($1,4 mld).

I fondi complessivi in aiuto pubblico allo sviluppo (Aps) e la componente destinata a progetti di lotta al Covid-19 sono indicati da Ocse utilizzando la metodologia Net Disbursement. Per questa ragione il volume complessivo varia rispetto ai dati sui fondi destinati all’Aps che da alcuni anni sono invece indicati utilizzando la metodologia Grant equivalents. Gli importi destinati alla lotta al Covid-19 possono riguardare sia nuove risorse che importi già stanziati e riorientati a questo scopo.

FONTE: Ocse
(ultimo aggiornamento: mercoledì 14 Aprile 2021)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.