Più abbandoni scolastici dove gli apprendimenti sono peggiori

Ogni punto è una regione italiana. In alto a destra quelle con tassi di abbandono più elevati e maggiore percentuale di studenti con basse competenze alfabetiche

A lasciare gli studi prima del tempo è, in molti casi, chi aveva i risultati scolastici più bassi. Un’indicazione in questo senso arriva dal confronto tra la percentuale di studenti con competenze alfabetiche inadeguate (in base ai test Invalsi) e il tasso di abbandoni scolastici.

A livello regionale, la relazione emerge in modo piuttosto nitido: dove i risultati scolastici sono più bassi, le uscite precoci dal sistema di formazione sono più frequenti. In Sicilia, Sardegna, Campania e Calabria oltre il 40% degli studenti di II superiore ha ottenuto un punteggio nelle competenze alfabetiche al di sotto della sufficienza nelle prove Invalsi. In queste stesse regioni, gli abbandoni superano il 17%.

L’indicatore di competenza alfabetica non adeguata rappresenta la percentuale di studenti della II superiore che non raggiungono un livello competenze sufficienti.

L’indicatore di uscita precoce dal sistema di istruzione e formazione è la percentuale di persone tra 18 e 24 anni con al massimo la licenza media, non in possesso di qualifiche professionali regionali di durata almeno biennale e non inserite in percorsi di istruzione/formazione.

FONTE: elaborazione openpolis - Con i Bambini su dati Istat e Invalsi
(ultimo aggiornamento: mercoledì 17 Giugno 2020)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.