Le organizzazioni titolari delle misure del Pnrr e i responsabili politici

Le risorse assegnate dal Pnrr e dal fondo complementare ai ministeri e ai dipartimenti per completare le misure di cui sono responsabili

I 2 dicasteri a cui il Pnrr e il fondo complementare attribuiscono maggiori risorse sono il ministero delle infrastrutture e della mobilità sostenibili (49,5 miliardi di euro), guidato dal ministro Enrico Giovannini, e il ministero della transizione ecologica (39,2 miliardi), al cui vertice si trova il ministro Roberto Cingolani. Due ministri cosiddetti “tecnici” o comunque non diretta espressione di una forza politica della maggioranza. A seguire il ministero dello sviluppo economico (€ 25 mld), guidato dal leghista Giancarlo Giorgetti, quello della salute con Roberto Speranza di Leu (€ 18 mld) e quello dell’istruzione con Patrizio Bianchi (€ 17,5 mld), anche lui un tecnico.

Sono considerate le risorse destinate alle misure finanziate dal Piano nazionale di ripresa e resilienza (191,5 miliardi di euro) e dal fondo complementare (30,62 miliardi). La maggior parte di queste risorse è destinata agli investimenti ma una componente è necessaria anche per l’attuazione delle riforme previste. Di ciascuna misura è responsabile un ente titolare, ovvero un ministero o un dipartimento della presidenza del consiglio. Al vertice di ciascuna di queste strutture è sempre possibile risalire a un responsabile politico appartenente all’esecutivo, di solito un ministro.

FONTE: elaborazioni openpolis su dati openpnrr
(ultimo aggiornamento: venerdì 20 Maggio 2022)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito utilizza solo cookie tecnici. È possibile leggere l’informativa cliccando qui.