Le perdite nei sistemi idrici delle città

Una rete solida è necessaria per fronteggiare le potenziali situazioni di carenza di acqua, peggiorate dagli effetti dei cambiamenti climatici. In questo le amministrazioni comunali possono impiegare delle risorse. A questo viene dedicato un articolo del Quotidiano del Sud.

|

Quotidiano del Sud 2 Aprile 2022

Il contributo dei comuni per il sistema idrico” è un approfondimento che abbiamo pubblicato alcuni giorni fa nell’ambito della nostra rubrica sui bilanci dei comuni. È stato ripreso dal Quotidiano del Sud, con particolare riferimento alle perdite d’acqua nel comune di Bari.

L’acqua potabile è fondamentale alla sopravvivenza umana. Per garantire un accesso capillare e un servizio efficiente, i comuni possono effettuare interventi di manutenzione e controllo, attenendosi alle linee guida dello stato centrale.

Considerando i comuni con più di 200mila abitanti, Venezia è quello che riporta la spesa maggiore con 34,31 euro pro capite. Un valore particolarmente alto anche rispetto alla seconda città in classifica, Trieste, che si assesta ai 12,99 euro a persona.

Tre delle grandi città hanno uscite non superiori all’euro pro capite: Bologna (0,94 euro pro capite), Firenze (0,67) e Genova, che non presenta alcuna spesa per la voce considerata.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito utilizza solo cookie tecnici. È possibile leggere l’informativa cliccando qui.