Il dibattito sui discorsi d’odio e il cyberbullismo

Sul Fatto Quotidiano si parla della campagna sull’hate speech (discorsi d’odio), realizzata insieme con Oxfam Italia. Nell’ultimo report abbiamo analizzato, attraverso i dati, il rapporto tra hate speech e i fenomeni di cyberbullismo.

|

Il Fatto Quotidiano 29 Maggio 2022

Sul Fatto Quotidiano è stato pubblicato un articolo a proposito del nostro progetto hate speech, vale a dire sui discorsi d’odio online e non solo, realizzato in collaborazione con Oxfam Italia.

In pochi anni nel mondo l’utilizzo di internet è cresciuto enormemente. Un fenomeno già ampiamente in atto a cui però anche la pandemia ha dato un notevole impulso. Ma oltre a offrire molti lati positivi le tecnologie digitali portano con sé anche insidie e rischi, soprattutto per i minori.

In questo contesto i minori stranieri rappresentano un segmento particolarmente vulnerabile. Sia come potenziali vittime di gravi reati, come il traffico di esseri umani o gli abusi sessuali, sia come potenziali vittime di cyberbullismo.

Di questo e altri aspetti parliamo nel nostro ultimo rapporto “I ragazzi stranieri, l’hate speech e il cyberbullismo“.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito utilizza solo cookie tecnici. È possibile leggere l’informativa cliccando qui.