I servizi per la prima infanzia e l’occupazione femminile in Sardegna

Asili nido e partecipazione delle donne al mondo del lavoro sono temi strettamente legati. Aumentare l’occupazione femminile era l’intento esplicito degli obiettivi di Barcellona, stabiliti dall’Ue per ampliare l’offerta di servizi prima infanzia.

|

La nuova Sardegna 9 Maggio 2019

La Nuova Sardegna ha ripreso il nostro approfondimento “Estendere i servizi per l’infanzia serve anche per l’occupazione femminile“.

Dai dati emerge come le prime 4 regioni per offerta di servizi per la prima infanzia hanno tutti tassi di occupazione femminile superiori al 60%, contro una media nazionale del 51%. Viceversa le regioni con un livello scarso di servizi per la prima infanzia hanno bassi livelli di occupazione femminile.

Ovviamente però sono molti i fattori che influenzano i livelli occupazionali. La Sardegna ad esempio risulta l’ottava regione italiana per offerta di posti negli asili nido ai bambini sotto i 3 anni (29%). Un dato positivo dunque. Purtroppo però il tasso di occupazione femminile risulta comunque piuttosto basso (43%).

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.