I pericoli dell’inquinamento acustico

L’inquinamento acustico, ovvero il rumore eccessivo e prolungato causato dall’attività umana, è un fenomeno spesso sottovalutato per la sua natura immateriale. Tuttavia, risulta particolarmente nocivo sia per l’ambiente che per la nostra salute. Ne parliamo sul Corriere della Sera.

|

Il Corriere della Sera 10 Maggio 2022

Il Corriere della Sera – Buone notizie riporta oggi un’intervista alla nostra analista Anita Ishaq, a proposito di un recente approfondimento sul monitoraggio dell’inquinamento acustico, nell’ambito dei nostri articoli su ecologia e innovazione.

L’esposizione a lungo termine a rumori superiori ai 55 decibel ha conseguenze significative sul mondo animale nel suo complesso. Può ad esempio disturbare la comunicazione di alcune specie come gli uccelli o le rane, o creare situazioni di stress che hanno un impatto negativo sul comportamento di molte specie selvatiche.

Ma gli effetti sono riscontrabili anche sulla salute umana. L’esposizione a forti rumori ha un impatto particolarmente nocivo sul sistema cardiovascolare, registrando una stretta correlazione con le cardiopatie ischemiche. Fattori che aumentano la mortalità.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito utilizza solo cookie tecnici. È possibile leggere l’informativa cliccando qui.