Province, il tentativo di abolirle ha causato disservizi e confusione istituzionale Numeri alla mano

|

I dati sono un ottimo modo per analizzare fenomeni, raccontare storie e valutare pratiche politiche. Con Numeri alla mano facciamo proprio questo. Una rubrica settimanale di brevi notizie, con link per approfondire. Il giovedì alle 7 in onda anche su Radio Radicale. Leggi il nostro approfondimento “Province, terra di nessuno”.

107

le aree vaste esistenti attualmente in Italia. 76 province delle regioni ordinarie, 14 città metropolitane, 6 liberi consorzi in Sicilia, 4 province in Sardegna, 4 ripartizioni in del Friuli Venezia Giulia. In Valle d’Aosta e e Trentino Alto Adige (come in passato) le funzioni provinciali sono svolte rispettivamente dalla regione e dalle 2 province autonome di Trento e Bolzano. Vedi l’andamento del numero di province dagli anni ’90 ad oggi.

100.942

i grandi elettori delle province, i cittadini non votano più direttamente ma sono sindaci e consiglieri comunali che scelgono chi fra loro sarà consigliere provinciale e presidente di provincia. Leggi “gli effetti sulla politica locale”.

-5 miliardi di euro

i trasferimenti statali tagliati ogni anno. Ciò ha portato ad una riduzione dei servizi e soprattutto negli investimenti (ad esempio infrastrutture di trasporto -65%). Anno dopo anno infatti si sono stratificati sempre ulteriori e maggiori decurtazioni ai danni delle province.  Vedi “l’impatto delle leggi negli ultimi anni”.

5.179

gli edifici scolastici in gestione alle ex province e il 41,2% si trova in zona a rischio sismico. Si tratta di fornire spazi e servizi adeguati per 2,6 milioni di studenti. Evidente il collegamento fra le difficoltà infrastrutturali della scuola e la riduzione così marcata di risorse. Leggi “servizi fondamentali nell’incertezza delle risorse”.

+1.000

sono i nuovi enti nati negli ultimi anni per aiutare i comuni nella cogestione dei servizi. Ci sono 550 unioni di comuni, poi comunità montane e di bacino, consorzi e altro. Dieci anni di campagna per abolire un centinaio di province ha prodotto un numero di enti dieci volte maggiore. Il caos istituzionale. Leggi “la semplificazione mancata di un sistema sempre più complesso”.

Ascolta il nostro podcast su Radio Radicale

Read more

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.