Tra marzo e giugno sono stati pagati più di 100 milioni di euro a Fca Italy

Le prime 20 aziende fornitrici (per pagamenti ricevuti da marzo a giugno 2021) di beni o servizi al commissario straordinario per l'emergenza Covid-19

Nei primi mesi del 2021 è stata FCA Italy, società del gruppo Stellantis, a incassare le somme maggiori per forniture relative all’emergenza sanitaria: 102,47 milioni di euro, parte di un contratto stipulato con la struttura commissariale e che prevede la fornitura di mascherine dal settembre 2020 al settembre 2021, per complessivi 237,4 milioni. Macron Spa, invece, è stata pagata per 99,5 milioni, un corrispettivo parziale rispetto ai numerosi lotti di gara che l’azienda di abbigliamento sportivo ha vinto per la fornitura di dispositivi di protezione come tute, camici e mascherine. Sempre tute e camici ha fornito la Tessiture Pietro Radici Spa, per importi bandi aggiudicati pari a 182,9 milioni di euro e incassati, nei mesi considerati, pari a 85,7 milioni.

Il grafico mostra le 20 imprese che hanno ricevuto le somme maggiori, dal 1 marzo al 7 luglio 2021, rispetto a beni o servizi acquistati dal commissario straordinario per l’emergenza Covid-19. I pagamenti possono riferirsi alla struttura commissariale di Francesco Paolo Figliuolo o a quella del suo precedessore Domenico Arcuri. Le somme fanno riferimento ai pagamenti effettivamente liquidati, rispetto a contratti posti in essere precedentemente. Gli importi banditi e aggiudicati sono considerati al netto degli accordi quadro, ossia le procedure che prevedono un affidamento diretto all’impresa, ma in seguito alla conclusione di una convenzione con una serie di aziende fornitrici.

FONTE: elaborazione openpolis su dati del commissario straordinario dell'emergenza Covid-19
(ultimo aggiornamento: martedì 6 Luglio 2021)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.