Sicilia, metà della popolazione a rischio povertà o esclusione sociale

Percentuale di popolazione a rischio povertà o esclusione sociale nelle regioni italiane (2017)

Il sud presenta un tasso superiore alla media nazionale (28,9%). La Sicilia ha il livello più alto (52,1%), seguita da Campania e Calabria a quota 46,3%. Dall’altro lato, il nord registra livelli inferiori: la provincia autonoma di Bolzano ha la percentuale più bassa (8,5%), seguita da Veneto (15,4%) e Emilia Romagna (17,2%).

Il dato considera l’insieme di persone: a rischio povertà (guadagnano meno del 60% del reddito mediano nazionale), in condizioni di deprivazione materiale (non riescono a pagare affitto, riscaldamento), che vivono in famiglie a bassa intensità di lavoro (gli adulti lavorano meno del 20% del proprio tempo di lavoro potenziale).

FONTE: elaborazione openpolis dati Eurostat
(ultimo aggiornamento: giovedì 20 Giugno 2019)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.