La prima composizione dell’unità di crisi della regione Piemonte

Istituita prima che fosse richiesto dal governo, l'unità di crisi era inizialmente una struttura molto leggera.

Tra le persone indicate esplicitamente dal decreto istitutivo dell’unità di crisi si trovano inizialmente 6 componenti. L’assessore regionale alla sanità Icardi a cui è attribuita la “supervisione relativa alla verifica dell’operatività dell’unità di crisi”. Due componenti dell’amministrazione: il segretario generale della regione Paolo Frascisco, con il “ruolo di referente generale delle attività svolte presso l’unità di crisi”, e Sandra Beltramo dirigente del settore protezione civile della regione. Tre dirigenti del servizio emergenza del 118 tra cui Mario Raviolo, direttore della maxiemergenza 118 e in quanto tale referente sanitario regionale, che svolge il ruolo di coordinatore dell’unità.

L’unità di crisi, in ogni regione, è il livello regionale della catena di comando stabilita dalla protezione civile nazionale con disposizione del 4 marzo 2020. Ogni regione ne disciplina la composizione con un proprio atto.

Il decreto istitutivo dell’unità di crisi si limita a indicare esplicitamente solo 6 membri, pur delegano al responsabile dell’unità di crisi la facoltà di nominare altri componenti. Tuttavia non è stato possibile reperire un elenco esaustivo di tutti i membri nelle varie fasi che si sono succedute.

FONTE: Decreto del presidente della regione Piemonte n. 22/2020
(ultimo aggiornamento: venerdì 29 Maggio 2020)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.