La crescita dell’aiuto pubblico allo sviluppo e la spesa per i rifugiati

Negli anni l'aumento delle risorse destinate all'aps è stata in buona parte trainata dalla crescita della voce "rifugiati nel paese donatore".

Nel 2017 cala per la prima volta da 5 anni la quota  di aps destinata alla voce “rifugiati nel paese donatore” passando dal 32,7% al 30,8%. Cresce invece l’aiuto bilaterale che, al netto delle spese per i rifugiati, passa dal 14,8% al 20% dell’aps.

L’aiuto pubblico allo sviluppo si divide in due macro categorie. L’aiuto multilaterale e l’aiuto bilaterale. All’interno del bilaterale rientra la voce rifugiati nel paese donatore. Si tratta di fondi che non escono dal paese donatore e che poco hanno a che fare con l’aiuto ai paesi meno sviluppati.

FONTE: Ocse
(ultimo aggiornamento: mercoledì 9 Gennaio 2019)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.