In Puglia e nel sud più ampi i divari occupazionali di genere

Differenza in punti percentuali tra il tasso di occupazione delle donne e quello degli uomini tra 20 e 64 anni (2018)

Le regioni con meno diplomate sono anche quelle con la minore occupazione femminile. E spesso coincidono con quelle con il maggior divario uomo-donna nel lavoro. Questo pone problemi di due tipi. In primo luogo, la disparità tra donne e uomini che dal campo dell’istruzione si trasmette in quello del lavoro. In secondo luogo, è un problema di povertà educativa sia per le famiglie, costrette a contare solo su un solo reddito. Sia per le opportunità che vengono offerte alle bambine e alle ragazze rispetto ai propri coetanei.

La classifica mostra la differenza in punti percentuali tra il tasso di occupazione delle donne e quello degli uomini nella fascia d’età tra 20 e 64 anni (2018)

FONTE: elaborazione openpolis - Con i bambini su dati Eurostat
(ultimo aggiornamento: giovedì 8 Agosto 2019)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.