Il legame tra neet e giovani adulti che vivono con i genitori

Ogni punto è uno stato Ue: in alto a destra quelli con più neet e più giovani che vivono con i genitori; in basso a sinistra quelli con meno neet e meno giovani che vivono con i genitori

Non è casuale che i paesi con più giovani neet siano generalmente anche quelli dove si abbandona più tardi il nucleo familiare. In questo quadro, spicca la specificità italiana della quota di neet. Nella fascia 15-29 anni, nel 2019, la quota di giovani italiani che non studiano e non lavorano è stata pari al 22,2% (il dato più alto nell’Unione europea). Nel 2020, la quota è ulteriormente salita al 23,3%, confermando il primato del nostro paese. Un dato che supera quello di Grecia (18,7%), Bulgaria (18,1%), Spagna (17,3%) e Romania (16,6%).

I dati sulla quota di giovani che vivono con i genitori e quelli sulla quota di neet sono relativi al 2019.

FONTE: elaborazione openpolis - Con i Bambini su dati Eurostat
(ultimo aggiornamento: venerdì 19 Novembre 2021)

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito utilizza solo cookie tecnici. È possibile leggere l’informativa cliccando qui.