Il parlamento europeo ha votato a favore della direttiva sul salario minimo, che però non ne prevede l'imposizione per legge negli stati membri. Ad oggi, l'Italia è uno dei pochi paesi sprovvisti di questa misura, nonostante l'elevato numero di lavoratori in condizioni di povertà.