Di cosa ci siamo occupati: gennaio 2019 Fondazione

Il registro per la trasparenza del Mise, un nuovo speciale sulla cooperazione internazionale e il lancio delle nostre newsletter tematiche.

|

Come buon proposito per il nuovo anno abbiamo deciso di raccontare meglio e di più le attività della fondazione openpolis. Iniziamo quindi un appuntamento mensile per aggiornare lettori, community e sostenitori sulle nostre iniziative.

Potere politico

Il 2018 si è concluso con la pubblicazione assieme ad Agi del report sui primi 6 mesi del governo Conte.

Un lavoro prezioso che ci ha permesso di monitorare quanto l’attuale esecutivo stia contribuendo ad esasperare alcuni recenti trend battezzati dagli esecutivi precedenti. Tra tutti la presenza di un governo sempre più ingombrante e totalizzante, a discapito di un parlamento ormai lasciato in secondo piano.

A seguito del nostro lavoro è intervenuto il presidente della camera Roberto Fico, con una lettera al sole24ore in cui manifestava la sua intenzione di avviare una discussione per riformare i regolamenti parlamentari, e dare più importanza a camera e senato. Una lettera a cui abbiamo risposto con un appello: è necessaria una riforma che introduca maggiore e migliore trasparenza sui lavori delle commissioni parlamentari, cuore propulsivo dell’attività legislativa di camera e senato.

Altro tema che ci ha coinvolto è quello del registro della trasparenza del Mise. Con un articolo avevamo sottolineato come, con l’arrivo del Ministro Di Maio, l’agenda degli incontri con i lobbisti non fosse più aggiornata. A seguito della richiesta di chiarimento, il Mise ha comunicato che avrebbe aggiornato il registro della trasparenza con i dati del nuovo governo. Promessa e dati che continueremo a monitorare.

Povertà educativa

Prosegue l’osservatorio realizzato insieme a Con i bambini. Quattro nuove uscite hanno analizzato diversi aspetti della materia: dall’offerta delle biblioteche nei comuni, all’ambiente di provenienza degli studenti, passando per l’importanza delle aree gioco.

Particolarmente significativo è stato l’articolo sul nuovo rapporto Bes, benessere equo e solidale. Dal rapporto emergono alcune tendenze sul sistema educativo italiano nell’ultimo decennio, dal livello di istruzione medio all’accesso all’università. Anche se su alcuni indicatori si registra un miglioramento, restano due criticità: la distanza dal resto dell’Europa e gli squilibri interni tra le aree del paese, con il mezzogiorno in ritardo su diversi fronti.

Cooperazione

In collaborazione con Oxfam è uscito il nuovo approfondimento in tema di cooperazione. Uno speciale di 5 capitoli che analizza nel dettaglio: la spesa dell’Italia in cooperazione internazionale, come si pone nel confronto con gli altri stati donatori, il ruolo dell’Unione europea e tanto altro.

Nel 2017 l’Italia ha raggiunto l’obiettivo previsto per il 2020 dello 0,3% dell’rnl in aiuto pubblico allo sviluppo. Ma con la nuova legge di bilancio per la prima volta calano le risorse per la cooperazione e l’obiettivo per il 2020 rischia ora di essere mancato.

Novità

Con il nuovo anno abbiamo anche deciso di introdurre una serie di newsletter tematiche per seguire i diversi ambiti di cui ci occupiamo. Il filo conduttore dei dati infatti ci ha portato in questi anni a variare molto le materie che affrontiamo. Crediamo quindi che sia giusto darvi la possibilità di scegliere quali tematiche seguire.

  • Potere politico, newsletter settimanale del lunedì – L’importanza della trasparenza e dell’accountability nel rapporto tra cittadini e istituzioni. Inchieste e campagne sul potere politico, e su come viene gestito;
  • Povertà educativa, newsletter settimanale del martedì – Dati, analisi e visualizzazioni liberamente utilizzabili per promuovere un dibattito informato sulla condizione dei servizi ai minori in Italia;
  • Cooperazione, newsletter settimanale del mercoledì – Dove e come l’Italia finanzia progetti di contrasto alla povertà, ma anche iniziative per il controllo delle frontiere e la gestione di migranti e rifugiati.

Se non lo avete ancora fatto quindi, vi consigliamo di iscrivervi alla nostra newsletter. Se già fate parte della community openpolis invece, potete gestire la vostra iscrizione accedendo alla sezione dedicata nell’ultima mail che vi abbiamo inviato.

Rassegna stampa

Il lavoro di liberalizzazione dei dati, che ormai portiamo avanti da anni, contribuisce in maniera importante al dibattito, politico e non, nel nostro paese. Ogni mese le nostre ricerche e analisi generano centinaia di articoli nel mondo dei media.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.