I servizi segreti italiani sono posti sotto il controllo della presidenza del consiglio che detta l'indirizzo e vigila sulla loro attività. È bene però che questo legame non sia troppo stretto e che le norme che regolano il quadro giuridico di riferimento restino una prerogativa del parlamento.