L’aiuto multilaterale nella cooperazione allo sviluppo

I fondi dell’aiuto pubblico allo sviluppo (aps) si dividono in due grandi insiemi, che indicano in sostanza la via con cui dovrebbero arrivare ai paesi a cui sono destinati: l’aiuto bilaterale e quello multilaterale.

|

Ansa 11 Settembre 2021

All’interno di una rubrica sugli obiettivi di sviluppo sostenibile dell’agenzia di stampa Ansa viene ripreso il nostro glossario sul canale bilaterale e su quello multilaterale, necessario a spiegare alcune delle fondamentali dinamiche intorno alla cooperazione per lo sviluppo.

L’aiuto pubblico bilaterale è il flusso diretto di risorse che va da fonti istituzionali del paese donatore direttamente al paese ricevente. Il multilaterale è invece il flusso di risorse che il paese donatore destina ad organizzazioni internazionali specializzate in cooperazione per svolgere attività volte a promuovere lo sviluppo.

Nel 2020 il canale bilaterale italiano ha superato di poco il miliardo di dollari, pari (a prezzi correnti) a 978,6 milioni di euro. Somme di molto inferiori alla componente multilaterale, che nello stesso anno era quasi il triplo: 2,98 miliardi di dollari pari, sempre a prezzi correnti, a 2,69 miliardi di euro.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.