La propaganda social e le elezioni europee

L’autoregolamentazione porta a tante piccole soluzioni diverse che non aiutano a risolvere il problema mentre il parlamento italiano continua a rimanere in silenzio e il governo insiste nel non considerare il problema una priorità.

|

Il Corriere della Sera 16 Aprile 2019

In vista delle elezioni europee il Corriere Buone Notizie affronta il tema della propaganda politica sui social network su cui siamo tornati con un recente approfondimento.

Il tema della propaganda social non è normato nel nostro paese. Inoltre questo tipo di propaganda si differenzia dalle altre perché mentre tutti vediamo gli stessi manifesti elettorali ogni singolo utente su internet vede contenuti pubblicitari differenti, e questo ovviamente ha delle implicazioni che non si possono ignorare.

Per conoscere quali sono stati i progressi in questa materia e i tanti aspetti ancora non afforntati vai a “Propaganda online, a che punto siamo in vista del voto“.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.