Il divario nell’offerta di asili nido tra le diverse aree del paese

Se si osserva l’offerta di asili nido e di servizi per la prima infanzia nelle 10 province con più minori, emerge subito una profonda spaccatura tra nord e sud, coerente con le tendenze a livello nazionale.

|

Il Messaggero 13 Novembre 2019

Il Messaggero ha ripreso in un articolo dati e analisi del nostro approfondimento “Quanto sono estesi i servizi nelle zone con più minori“.

Se si considerano le 10 province con più minori tra 0 e 2 anni emerge come tutte le realtà settentrionali si trovano al di sopra della media nazionale (24%). Al contrario, quelle meridionali considerate non arrivano nemmeno alla metà di quella soglia. Tra queste in 5 casi su 6 non si arriva alla doppia cifra, l’unico che la raggiunge (Crotone) supera di poco quota 11%. Appena un terzo della soglia dei 33 posti ogni 100 bimbi, stabilita in sede europea.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.