Il calo dell’aiuto pubblico allo sviluppo nel 2018

I fondi destinati dall’Italia per cooperazione allo sviluppo nel 2018 sono calati in maniera significativa rispetto all’anno precedente, allontanando il nostro paese dalla possibilità di raggiungere gli obiettivi che si era posto.

|

La Stampa 3 Luglio 2019

La Stampa ha dedicato il “numero del giorno” al nostro approfondimento “Cooperazione Italia, un’occasione sfumata” in cui ci siamo occupati dei fondi destinati dall’Italia alla cooperazione internazionale nel 2018.

Il numero messo in evidenza è – 21,3% ovvero il calo dei fondi per l’aiuto pubblico allo sviluppo (aps) nel 2018 rispetto all’anno precedente. Il 2017 era stato un anno promettente per la cooperazione italiana. Il nostro paese aveva infatti raggiunto un rapporto aps/rnl pari allo 0,30% anche se con alcune criticità legate alla composizione dell’aiuto. La sfida a quel punto era di arrivare al 2020 mantenendo, e possibilmente incrementando, questa quota di aiuto.

Già con l’ultima legge di bilancio però era diventato evidente che i fondi destinati all’aps sarebbero cominciati a calare ma ci si aspettava che questo avvenisse tra il 2019 e il 2020. Invece i contributi italiani in aiuto pubblico allo sviluppo, che avevano visto una crescita costante tra il 2012 e il 2017, segnano un brusco calo già nel 2018.

PROSSIMO POST
Informativa

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella privacy policy. Se vuoi saperne di più o negare il consenso, consulta la cookie policy. Chiudendo questo banner, acconsenti all’uso dei cookie.